Ciclismo, Tour de France: dopo il riposo a Carcassonne si giunge ai Pirenei

Il Tour de France si riposa a Carcassonne per giungere fino ai Pirenei. Un giro per affrontare due GPM molto velocemente per arrivare dopo i Pirenei alle Alpi, mentre Jakob Fuglsang si ritira a causa di una frattura.

Ultimo riposo

Nella piattaforma di https://www.18bet.eu, le persone che amano il gioco delle slot machines, poker, il casinò e molto altro ancora, possono avere l’opportunità di partecipare alla modalità live sul gioco preferito e ottenere tantissimi premi, vantaggiose promozioni e bonus anche giornalieri. Per il Tour de France i ciclisti fanno l’ultimo riposo ed entrano nella terza settimana che è quella decisiva. La scalata dei Pirenei sicuramente è molto meno dura rispetto alle Alpi dato un percorso difficile, ma comunque ci si avvicina il traguardo. Quindi domani è la 16ª tappa, in totale sono 178,5 km da Carcassonne a Foix. La difficoltà per i ciclisti soprattutto sarà a la Mur de Peguere dove sono 9,3 km, a meno di trenta chilometri circa per raggiungere il traguardo. Inoltre per il giorno di Mercoledì si giunge invece alla 17/a frazione che anche se molto corta, si presenta con un tratto di strada intensissima, quindi 129,7 km da Saint-Gaudens a Peyragudes,  lo stesso luogo dove Fabio Aru indossò la maglia gialla tempo fa. Dopo aver percorso Aspin, Horquette d’Ancizan e Col de Val Louron-Azet, la salita finale che si deve affrontare è di 8 km. Tuttavia per la gornata di giovedì è ancora in salita dove sono circa 143,2 km da Lourdes ad Hautacam. Ossia ben 13,6 km di salita finale dove Vincenzo Nibali aveva vinto il suo quarto Tour.

Le tappe

Per chi deve fare un regalo a qualcuno che ha comprato casa, ci sono ben 9 regali che si possono fare dove per sapere quali si può andare a leggere questo link. Nella giornata di Venerdì si arriva alla 19/a frazione che sono 188,3 km da Castelnau-Magnoac a Cahors. Sabato invece, si calcolano 40,7 km per la ventesima tappa da Lacapelle-Marival a Rocamadour. Nella giornata di Domenica, c’è la prima tappa del Tour de France femminile e poi in seguito il gran finale sui Campi Elisi, ben 115,6 km da Paris La Defense Arena fino al  circuito dell’Arco di Trionfo. Riguardo al Covid, l’Uci ha aggiornato tutti i risultati dei tamponi effettuati ai ciclisti tra il  terzo ed ultimo giorno di riposo del Tour de France, 152 partecipanti sono negativi, ma soltanto due risultati positivi.  Di qui, l’associazione della Uci ha confermato che i due ciclisti positivi, non sono rientrati tra i primi 20 della generale. Quindi per adesso due ciclisti asintomatici sono stati isolati, ma domani si decide se possono partecipare o meno al Tour de France, in base alla decisione dei 3 medici che ne fanno parte.

Il ritiro di Jakob Fuglsang

Per una caduta verso Carcassonne si ritira il ciclista danese Jakob Figlsang che dichiara: “Non potevo continuare”. L’atleta si è fermato a causa di una frattura ad una costola, sbattendo il fianco destro. Nonostante la frattura, Jakob Fuglsang ha proseguito per tutta la tappa ma nello stesso tempo è stato costretto al ritiro. In effetti il ciclista deluso dall’accaduto ha commentato ancora: ” Eppure mi è già capitato di percorrere con una costola fratturata in passato, ma meglio fermarsi,  perchè il dolore fa male, ma mi auguro che la mia squadra arrivi al traguardo” -ha sottolineato il ciclista danese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *